COSA VEDERE A MIAMI 

Siete alla ricerca di un itinerario di viaggio per visitare Miami in pochi giorni? Volete capire se è un viaggio che economicamente potrebbe rientrare nel vostri budget? Qui troverete un itinerario precisissimo di quello che abbiamo visto e dei luoghi di cui ci siamo innamorati. I consigli utili prima della partenza, i prezzi e tutto ciò che abbiamo imparato spulciando blog e guide turistiche per mesi. In seguito cercheremo di darvi più informazioni possibile per visitare al meglio questo luogo magico, da cui poi siamo ripartiti alla scoperta di EXUMA. 

 South Beach 

South Beach 

 

Pianificare il viaggio - informazioni utili

Dopo aver passato giorni e giorni su piratinviaggio.it e skyscanner.com, finalmente a metà Gennaio troviamo l'opzione più economica che con uno scalo di qualche ora a Zurigo ci porta a Miami per soli 400€ a/r. Il periodo è molto quotato: il volo parte a fine Febbraio, ma con il nostro lavoro non possiamo che approfittarne! Aggiungiamo l'assicurazione all-inclusive (per un viaggio del genere è praticamente obbligatoria, anche se noi la facciamo comunque in ogni viaggio all'estero) e non riusciamo a smettere di sorridere per l'emozione e la voglia di partire. Non è necessaria alcuna vaccinazione, ed è ovviamente obbligatorio il passaporto e l'ESTA.

Per ricevere l'autorizzazione ESTA è necessario pagare una somma di circa 10 dollari sul sito ufficiale, è consigliabile compilare il modulo di richiesta almeno due settimane prima della partenza, ma generalmente non impiega più di 24/48 ore.

Partiamo dall'aeroporto di Firenze la mattina del 27 Febbraio, per poi fare scalo a Zurigo e ripartire verso MIA (International), distante poco più di 20 minuti da Miami Beach, costo del Taxi 35 dollari (ci sono anche alternative più economiche, come i Bus o Uber, ma i primi impiegano circa un'ora per fare MIA - Miami Beach, non circolano dopo le 23 e risultano piuttosto scomodi quando si hanno grossi bagagli).

Abbiamo prenotato su booking.com una camera relativamente economica nel centro della vita notturna di Miami Beach: Espanola Way. L'hotel si chiama "El Paseo" ed è di gestione ispanica, come la maggior parte delle strutture in quella via. Il consiglio, se passate meno di una settimana a Miami, è di prenotare l'alloggio a Miami Beach, che è tra le parti più giovani e ricche di intrattenimento della città, facilmente visitabile a piedi, in bicicletta (5 dollari all'ora), o con i Free Bus che girano tutto il giorno per tutta l'isola. 

Se volete visitare la vera e propria Miami, è consigliabile noleggiare un'automobile. I bus che collegano Miami Beach e Miami impiegano molto tempo e smettono di circolare dopo le 11 p.m. 

 Miami Beach by the Plane

Miami Beach by the Plane


Giorno 1 : Miami Beach

South Beach & Art Deco District

La zona più vivace di Miami Beach è conosciuta come South Beach (SoBe) ed è localizzata tra la 6th e la 23rd Street e tra la Ocean dr. e la Lennox ave, corrispondente all'Art Deco District. Il quartiere comprende oltre ottocento edifici dalle facciate coloratissime costruiti negli anni trenta. Tutto sembra evocare quella magica atmosfera: i palazzi, le automobili parcheggiate a lato della strada, gli alberghi e persino le modelle che passeggiano per i negozi. In quest'area si concentrano i più famosi ristoranti e locali della zona, è facile dunque incontrare artisti, attori e stars dello spettacolo. 

Ocean Drive

Consiglio di partire dall'incrocio tra la 5th e Lummus Park, magari dopo una colazione da Starbucks. Da qui si può risalire ed ammirare i meravigliosi edifici lungo Ocean Drive, quasi tutti trasformati in hotel vintage. Tra i più significativi: Celino Park Central, Beacon, Colony, Waldorf, Clevelander, Casaurina, Tides, Cardozo. Camminando lungo questa via, ammirando i sontuosi edifici sulla vostra destra e la spiaggia sulla sinistra, vi sembrerà di essere dentro a un film di Hollywood 

Collins Avenue

Tra la Lincoln e la 17th St,. ci sono tre gioielli dell'Art Deco: Sagamore, National e Delano. Dopo averli ammirati si può continuare lungo la Collins per incontrare il Surfcomber, lo Shelborne, lo Shore Club ed il Setai. Lungo questa via si trovano centinaia e centinaia di negozi esclusivi in cui l'entrata è libera!

Interno del quartiere 

Da segnalare sicuramente è la Lincoln Road: definirla una lunga via con negozi è veramente riduttivo. Totalmente pedonale e lunga più di 20 blocks, in questa via si trova di tutto: negozi di ogni tipo, ristoranti italiani, cinesi, spagnoli, americani o francesi, artisti di strada, bancarelle, fontane e tante tantissime piante. Per arrivarci basta fare una passeggiata lungo la trafficata Washington Ave. E' qui che Frank Gehry ha trasformato un vecchio parcheggio in una delle più grandi attrazioni di Miami: il New World Center. Se avete a disposizione una serata o passate a Miami più di qualche giorno, è una tappa obbligatoria. Se si ha la possibilità è consigliato visitare il Wolfsonian-FIU: museo del design sulla Washington Ave., aiuta a porre nel giusto contesto l'esperienza estetica offerta dalle vie di Miami Beach. Di sera è necessario fare almeno un giro sulla rumorosissima e coloratissima Espanola Way, per assaporare la multiculturalità che è parte integrante della città e prodotti tipici Spagnoli e Cubani. 

La spiagga di SoBe

Tra la Ocean Drive e la spiaggia, lungo tutta l'isola è possibile camminare lungo una meravigliosa promenade, che costeggia da un lato il mare e dall'altro gli altissimi palazzi e alberghi del centro. La spiaggia privata qui non esiste, si può camminare fino a che non si trova l'angolo che si preferisce lungo l'infinita distesa bianca di South Beach. Dove finiscono hotel e condomini, dalla 15th Street in poi, inizia la Lummus Park Beach: la parte più giovane e movimentata, il centro del divertimento, dove in estate si organizzano party sulla spiaggia e falò. Ovunque vedrete le cabine dei bagnini, utilizzate da tutti i turisti per scattare qualche tipica foto. Sono tutte diverse fra loro e alcune, non venendo più utilizzate, sono state leggermente spostate dalla spiaggia ed è possibile accedervi per fare un pranzo al sacco o semplicemente godersi la vista del mare. Se ci si spinge fino all' estrema punta meridionale, si giunge a South Pointe Park. Da qui si possono osservare le enormi navi da crociera in uscita dal porto di Miami, o dare qualche briciola di pane a uno dei tantissimi gatti randagi (ma estremamente docili) che vivono tra il parco e la spiaggia. 

DJI_0186.jpg
IMG_9896.jpg
GOPR7684.jpg
IMG_9422.jpg
IMG_9424.jpg
IMG_E2784.jpg

DJI_0005.jpg
GOPR1075.jpg
IMG_9502.jpg
IMG_9521.jpg
IMG_1790.jpg

giorno 2 : KEY WEST 

Se siete pazzi come noi, è una tappa che si può fare in giornata. Noleggiate un auto decappottabile e partite. In alternativa è forse preferibile pernottare almeno una notte nell'isola più a sud di tutti gli Stati Uniti. Noi abbiamo noleggiato una Mustang, per la modica cifra di 350 dollari (per due giorni), ma potete trovarne anche di più economiche. Obbligatorio avere più di 25 anni e una carta di credito (no prepagate).

Se la Florida è uno stato a parte rispetto agli Stati Uniti, le Keys sono isole a parte rispetto alla Florida. Qui è tutto diverso, seguono un ritmo proprio. Il motto di Key West è "One Human Family", un'unica famiglia, un'ideale che racchiude in sé il clima di tolleranza e spensieratezza che si respira. Un posto davvero bizzarro dove la vita è sempre una festa, dove il tramonto ha colori surreali e dove si raggiunge Cuba a 50 miglia di navigazione. Questi sono i confini degli Stati Uniti.

Key West è l'ultima delle 133 isole collegate a Miami da una lunga strada pittoresca e circondata dall'oceano, da percorrere in auto con il tetto abbassato: la Overseas Hwy1. Diciamocelo, il tragitto per arrivare è già di per sé un divertimento. Da Miami Beach si impiegano circa 4 ore (se non si fanno pause ed il traffico è regolare). E' possibile fare il tour organizzato in bus, ma non ne vale davvero la pena! 

Ci sono tantissime cose da fare a Key West, se non si ha molto tempo a disposizione occorre scegliere se visitare musei, spiagge o le vie assurde del posto. Noi abbiamo optato per la casa-museo di Hemingway: un luogo adorabile ora abitato dai discendenti dei suoi gatti polidattili. Inutile dire che è un vero e proprio paradiso per i gattari. Il giardino è enorme ed è possibile girare ed ammirare gli interni dell'abitazione da soli o in compagnia della guida che offre tour gratuiti (tips suggested). Proprio di fronte è possibile salire sul faro Key West Lighthouse, 88 gradini per ammirare il panorama dall'alto. 

Quando il sole inizia a tramontare bisogna dirigersi verso uno degli spettacoli più affascinanti del mondo: il Sunset Celebration a Mallory Square. Si tratta di una festa di strada illuminata da torce e impreziosita dai colori del tramonto. Il mare fa da cornice a questo incantesimo, che si ripete tutti giorni al calar del sole. Mallory Square è il fulcro di tutta la vitalità che le Keys rappresentano. Qui si trovano acrobati, giocolieri, maiali incravattati, cani funamboli, mangiatori di fuoco e tutto ciò che si può trovare al circo.

Quando il Sunset Celebration termina, non resta che percorrere tutta Duval Street per conoscere a pieno lo spirito di festa e l'atmosfera da film che si respira nell'isola. Si trovano locali di ogni tipo con musica dal vivo praticamente ovunque, luci soffuse, bancarelle, cibi di strada e ristoranti lussuosi, spettacoli di drag queen, teatri, studi di artisti e boutique. L'atmosfera che si respira è veramente unica. 


GIORNO 3 : MIAMI CITY

Little Havana

Partendo da Miami Beach e andando verso Downtown Miami, si può facilmente sviare per fare un veloce giro su Calle Ocho (13th - 17th Street), nel suggestivo quartiere di Little Havana, arrivando fino a Maximo Gomez Park. Il quartiere cubano non è sicuramente un luogo pittoresco, ma è un vero quartiere ispanico abitato da comunità provenienti da tutta l'America latina.  

Downtown Miami

Questo è il centro finanziario di Miami. Il mio consiglio è di parcheggiare l'auto vicino alla stazione di College/Bayside e prendere il Metromover: una monorotaia sopraelevata gratuita dalla quale si può fare tutto il giro del quartiere godendosi una vista impressionante. Ci sono diversi loop disponibili, il più interessante è il tratto che si dirige a sud in direzione Brickell. Al capolinea di Financial District si può scendere e fare due passi nella zona della borsa di Miami. Interamente occupata da alti edifici di banche e società finanziarie. 

A pranzo si può cogliere l'occasione per visitare il Bayside Marketplace, una specie di centro commerciale open-air: il posto giusto dove riposarsi e fermarsi per fare rifornimento di energie.  

Wynwood Walls

Poco a Nord di Downtown si trova questa area industriale, un tempo poco raccomandata, ma ora tra i quartieri emergenti più acclamati di Miami. Wynwood è arte e colori, una zona che è stata completamente trasformata ed accoglie decine e decine di gallerie d'arte e ristoranti. Quello che più colpisce è sicuramente l'infinità di murales e graffiti che adornano i muri del quartiere. Qui alcuni dei migliori artisti degli Stati Uniti e del mondo hanno creato vere opere d'arte, rendendo questo quartiere un museo a cielo aperto. La via più frequentata dall'ora del tramonto in poi è la 2nd Avenue, in cui sciamano centinaia di persone... a quell'ora i murales illuminati dai lampioni diventano ancora più belli.

Coconut Groove

E' un piccolo quartiere dall'aria tropicale con case basse, palme e boutiques intriganti. Per assaporare la sua atmosfera bisogna visitarlo dopo il tramonto nei weekends, in cui si riempie di residenti e turisti. Nel cuore del quartiere si trovano il CocoWalks e moltissimi ristoranti che affacciano tra Grand Avenue e Mayfair. Le vie più interessanti sono appunto Grand Avenue e Main Hwy.

IMG_E1811.jpg
IMG_1844.jpg
GOPR1051.jpg
IMG_9891.jpg

IMG_1865.jpg

SE AVETE PIU' TEMPO

Se il tempo a disposizione è maggiore, si può visitare Key Biscane: percorrendo la Venetian Causeway e Biscane Blvd. Le spiagge più belle sono Crandon Beach Park e il Bill Cape Florida State Park (a pagamento). 

Da Key Biscane si può proseguire a visitare Coral Gables, un quartiere residenziale tra i più belli di Miami, nonché sede del famoso Biltmore Hotel, una delle attrazioni più quotate della zona insieme alla Venetian Pool.

Da citare anche il Design District, Little Haiti e Virginia Key.


Qui il video che in due minuti racchiude tutta la nostra vacanza e i posti che vi abbiamo consigliato!